Aeegsi e sistemi di accumulo, nuove regole e scadenze

Aeegsi e sistemi di accumulo, nuove regole e scadenzeAncora novità per i sistemi di accumulo in Italia. L’Autorità per l’energia ha pubblicato una nuova delibera, dopo quella introdotta a novembre, che regola l’introduzione e il funzionamento dei sistemi di storage di energia, legati al fotovoltaico, nel nostro paese, tenendo conto di quanto stabilito dal Cei, il Comitato Elettrotecnico Italiano.

È stato infatti costituito un gruppo di lavoro congiunto per la definizione degli schemi di connessione alla rete per quanto riguarda i sistemi di accumulo. Non solo, i protocolli prendono inoltre in considerazione tutti i sistemi di protezione e misura relativi e i servizi di rete previsti dalle norme CEI 0-16 e CEI 0-21. Sono stati vagliati anche i requisiti minimi che i differenti apparati per l’energy storage devono possedere per poter erogare i servizi di rete e i relativi test di funzionalità.

Nel dettaglio, l’Aeegsi ha pubblicato la delibera 642/2014/R/eel, che integra le considerazioni espresse e i requisiti tecnici indicati per i sistemi di accumulo dalla Variante 1, alla terza edizione della Norma CEI 0-16, nella versione consolidata e dalla Variante 1 alla seconda edizione della Norma CEI 0-21 nella versione consolidata. Tali disposizioni devono essere obbligatoriamente rispettati da tutti i sistemi di accumulo per i quali viene presentata richiesta di connessione dal 21 novembre 2014.

Sono inoltre obbligatorie specifiche prove e certificazioni da allegare al regolamento di esercizio per le unità connesse alla rete dal 1 settembre 2015.

Novità anche per gli inverter. Anch’essi rientrano nelle norme Cei. Spiega l’Aeegsi: “La variante alla Norma CEI 0-16 e la Variante alla Norma CEI 0-21 hanno previsto che gli inverter consentano il ritardo nell’attivazione delle funzioni P(f) (“Limitazione della potenza attiva per transitori di sovrafrequenza originatisi sulla rete”) e Q(V) (“Erogazione/assorbimento automatico di potenza reattiva secondo una curva caratteristica”), non solo nel caso di sistemi di accumulo ma anche per gli altri tipi di generatori. Ciò richiederebbe la ricertificazione degli inverter esistenti e già commercializzati, il che risulterebbe piuttosto dispendioso. Pertanto, occorrerebbe consentire, per i prossimi due anni, l’installazione di modelli di inverter rispettosi delle Norme CEI 0-16 e CEI 0-21 anche se le certificazioni già rilasciate non contemplano il ritardo nell’attivazione delle funzioni P(f) e Q(V)”.

Aeegsi e sistemi di accumulo, nuove regole e scadenze
5 (100%) 1 voti