Diamo un’occhiata al mercato dei tracker solari e al loro futuro.

Diamo un occhiata al mercato dei tracker solari e al loro futuroL’aumento dell’impiego del fotovoltaico a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia elettrica sta potenziando anche la domanda di tracker solari, utilizzati per aumentare l’efficienza dei sistemi installati.

I tracker solari aiutano a ridurre i costi operativi degli impianti fotovoltaici e sono molto utili nel lungo periodo. Nuove legge normative a livello globale hanno portato al lancio di una vasta gamma di politiche di tariffe feed-in (FIT) che offrono enormi incentivi per l’utilizzo di energia solare, aumentando così la domanda anche dei cosiddetti “inseguitori” solari. La produzione di qualità, la facilità d’installazione, la semplice manutenzione e il basso costo dovrebbero essere i punti chiave per gli operatori di mercato.

Il settore solare è stato il principale settore che ha utilizzato l’installazione di sistemi tracker nel 2012 riuscendo a catturare oltre il 53% del mercato. Ma entro il 2020 l’uso di altre tecnologie come il fotovoltaico a concentrazione (CPV) e l’energia solare concentrata (CSP) sono previste di subentrare nel mix energetico.

Nel 2020, si stima che il CPV catturerà oltre il 19% del mercato, con una capacità d’installazione annuale di ben 1,357.4 MW. Inoltre, il mercato dei tracker è classificato secondo i diversi prodotti e applicazioni. Tracker ad asse singolo e quelli a doppio asse sono i due tipi più famosi di “inseguitori” con quelli monoasse che dominano il mercato e rappresentano oltre il 94% del mercato nel 2012.

L’Europa ha dominato il mercato globale dei tracker solari in termini d’installazioni annuali anche per l’anno passato. Spagna, Italia, Germania e Grecia, sono stati i principali mercati regionali in Europa; Invece nel Nord America le installazioni annuali sono stimate di raggiungere i 2.168,5 MW entro il 2020, mentre il mercato dell’America Latina aggiungerà altri 1,744.4 MW.

Diamo un’occhiata al mercato dei tracker solari e al loro futuro.
Vota questo articolo