Ecco il primo marciapiede fatto di panelli solari!

Ecco il primo marciapiede fatto di panelli solariLa George Washington University (GW) ha completato il primo percorso calpestabile fatto con pannelli solari come parte del progetto sostenibile Passeggiata solare.

Il marciapiede pedonale paesaggistico vanta un traliccio a energia solare e 27 pannelli calpestabili semi-trasparenti e antiscivolo con tecnologia fotovoltaica che converte la luce solare in energia elettrica. I pannelli solari calpestabili sono un prolungamento del marciapiede pubblico all’incrocio tra Boulevard e GW University Drive.

La GW è orgogliosa di annunciare la “passeggiata solare” che comprende la prima installazione nel mondo di marciapiede calpestabile costruito da pannelli fotovoltaici“, ci dice orgoglioso Eric Selbst responsabile del progetto a GW.

I pannelli calpestabili hanno una capacità combinata di picco di ben 400 watt (Wp), il che denota la quantità massima di energia che può essere prodotta in condizioni perfette. E’ abbastanza energia da alimentare 450 luci LED che illuminano la via sotto i pannelli.

Oltre ai pannelli solari calpestabili, la Passeggiata Solare include un traliccio a energia solare progettato da Studio39. Il traliccio è stato installato alla fine del marciapiede per creare energia che alimenta l’Innovation Hall.

L’Onyx Solar, una società con sede in Spagna, ha progettato i pannelli calpestabili. L’azienda è conosciuta a livello internazionale per la progettazione e produzione di materiali fotovoltaici che generano energia elettrica dal sole, fornendo anche l’isolamento termico e acustico e filtri UV/IR.

Siamo entusiasti di esplorare le potenzialità di questo nuovo prodotto brevettato e partecipare con Onyx nel suo obiettivo di promuovere delle tecnologie fotovoltaiche uniche“, ha dichiarato Selbst.

Il marciapiede solare è un grande esempio di impegno di GW per l’innovazione nel design e nella sostenibilità e sarà un riferimento per gli altri a seguire“, ha detto il Vice Presidente Della Onyx Solar, Diego Cuevas.

Vota questo articolo