Nuove tecnologie: Il pannello solare diventa conico e balla pure!

V3Solar ha sviluppato un’innovativa tecnologia che aumenta notevolmente la produzione complessiva di energia del materiale fotovoltaico nei suoi nuovi dispositivi solari Spin Cell.

 

 

 

Chi è V3Solar?

V3Solar produce “l’energia più efficiente sotto il sole”. La sua missione è di inventare, produrre e distribuire tecnologia solare innovativa che serva l’umanità. Attraverso associazioni strategiche con produttori selezionati e intraprendenti rivenditori di valore in tutto il mondo, V3Solar può rapidamente farsi spazio nei mercati di nuove regioni e tagliarsi una quota di mercato volta a massimizzare il guadagno proprio e dei suoi clienti. La tecnologia di raccolta rotante porta a un aumento di efficienza energetica solare e apre nuove direzioni per il fotovoltaico.

 

Che cosa cambia?

Nella stragrande maggioranza di chi cerca di raccogliere l’energia del sole per soddisfare le esigenze di energia elettrica propria o per venderla, il mondo fotovoltaico è statico e piatto. Persino i grandi parchi fotovoltaici dispongono solo di file e file di pannelli rigidi, anche se in alcuni ci può essere almeno un po’ di movimento, visto come certi pannelli montati su tracker seguono il percorso del sole che si muove attraverso il cielo. “La Spin Cell è un po’ diversa” afferma V3WSolar “è in grado di generare oltre 20 volte in più energia elettrica di un pannello piatto, con la stessa area di celle fotovoltaiche, grazie ad una combinazione di lenti concentranti, rotazione dinamica, forma conica ed elettronica avanzata.

La Spin Cell si compone in realtà da due coni, un interno costituito da centinaia di celle fotovoltaiche triangolari e una lente esterna di concentrazione, sigillata ermeticamente, che comprende una serie di anelli di collegamento e un numero di lenti tubolari distanziate uniformemente sulla sua superficie. Secondo V3Solar (in precedenza Solarphasec), il cono Spin Cell è stato fissato a un angolo di 56 gradi per consentire la cattura della luce del sole da più angoli, in confronto a  pannelli fotovoltaici piatti, ciò nega la necessità di sistemi tracker separati e in aggiunta può seguire le diverse angolazioni del sole per tutto l’anno.

Le lenti concentrano la luce sulle sottostanti celle fotovoltaiche e facendo ruotare il cono interno, i problemi di calore eccessivo spesso associati a sistemi statici che utilizzano lenti o specchi per focalizzare la luce in una zona, sono evitati. Lo strato fotovoltaico viene continuamente ruotato sotto il raggio di luce concentrata, creando un otturatore dinamico e un effetto stroboscopico a velocità di lampo che eccita gli elettroni, in ciò che è descritto come una danza di luce perfettamente a tempo.

“Immaginate di tenere ferma la mano sotto una lente d’ingrandimento” dice V3Solar. “Il calore sarebbe aumentato fino a un punto di disagio, persino fino a sentire dolore. Ora immaginate di muovere la mano avanti e indietro sotto la lente di ingrandimento, si continua a ricevere la stessa luce ma poco calore.

“La rotazione è alimentata da una piccola quantità di energia elettrica che viene dal sole”, ci rivela il capo marketing Robert Styler, “ richiede solo 1A (ampere) perché l’unità si libra sopra magneti, non vi è in pratica alcuna resistenza e i magneti sono disposti in maniera da spingere la rotazione in avanti. La velocità di rotazione è controllata da anelli di retroazione elettronici per massimizzare la produzione. I pannelli producono corrente continua che corre verso i magneti dell’anello di base, quando vi passa attraverso viene prodotta corrente elettrica alternata (AC) … proprio come in un generatore comune. La corrente viene infine condizionata attraverso l’elettronica per essere pronta per la rete. Siamo inoltre in grado di produrre corrente continua (DC) premendo semplicemente un tasto se questo è necessario. “

 

Sarà tutto vero?

La società ha appena annunciato che un prototipo di Spin Cell è stato recentemente sottoposto a test, da un laboratorio indipendente, in cui è stato verificato che sia in grado di generare 20 volte più energia elettrica di un pannello statico piatto provvisto della stessa area di celle fotovoltaiche. Il test consisteva nel collegamento, in modalità wireless, del modulo a data loggers che registra informazioni su dati come il calore, numero di giri e potenza generata. Tutto questo è importante perché, come spiega V3solar, se si arriva a una concentrazione solare di 20 volte su una superficie piana di un pannello solare statico, allora “la temperatura raggiunge rapidamente 260 gradi Fahrenheit (127° C) , la lega si scioglie entro dieci secondi e il pannello risulta distrutto. Durante i test della Spin Cell però si è scoperto che lo strato di cellule fotovoltaiche non ha mai superato i 95 gradi Fahrenheit (35 ° C), determinando cosi che il modulo può funzionare indefinitamente a concentrazioni  di 20 volte più quelle della luce solare. Altri test sono in programma per analizzare le prestazioni a 40, 50 e 75 volte i livelli di concentrazione della luce”.

 

Come intendono proseguire?

V3Solar ha recentemente unito le forze con la Nectar Design (una compagnia di disegno marketing) per completare la progettazione commerciale del suo modulo Spin Cell alto e largo un metro e ha appena firmato il suo primo accordo per la fornitura di 800.000 unità per una grande fattoria fotovoltaica.

L’amministratore delegato della V3Solar, Michael Neistat, dice che la chiave per catturare quote di mercato solare è quella di concentrarsi sul costo totale di proprietà (TCO), non il costo per watt. Aumentando la “densità di potenza” (produrre più watt per metro quadrato) V3Solar riduce i costi per la terra, l’installazione e la manutenzione.

V3Solar offre quattro importanti vantaggi continua: “5 volte più produzione di energia, 75% in meno di silicio può produrre la stessa potenza, produzione diretta di corrente alternata (nessun convertitore richiesto) e significativamente più basso costo di proprietà”.

Continuando spiega: “Se avete bisogno di circa 2.000 ettari per un parco solare per produrre 650 MW con tecnologia di schermi piatti, con V3Solar si avrebbe solo bisogno di 250 ettari. Questa caratteristica rende molti progetti più convenienti, senza neppure contare il beneficio aggiunto della forma conica con la sua angolatura variabile che non deve seguire il sole, nondimeno permette alla cella la produzione di energia per periodi di gran lunga superiori a quelle dei pannelli fissi.

Mentre una fila di Spin Cell può già occupare uno spazio molto piccolo rispetto ai tradizionali pannelli piani, abbiamo pure concepito un “palo della luce” per sostenere una maggiore produzione di energia solare anche in uno spazio estremamente piccolo”; i progettisti spiegano “si tratta di un palo che contiene 10 Spin Cell o 10kWp con un ingombro di 10m². Le Spin Cell sono disposte con precisione geometrica per assicurarsi che non creino zone d’ombra l’un l’altra. Questo non solo crea una densità di potenza significativamente più grande, ma in aggiunta elimina la preoccupazione d’inondazioni e mitiga l’impatto ambientale”.

 

Infine due parole del creatore:

Secondo Chris La Due, l’inventore della tecnologia V3Solar: “Stiamo introducendo, con la nostra serie di moduli Spin Cell Sentinel, un ingombro notevolmente più piccolo e la capacità di fornire i più alti livelli di potenza costante richiesti per applicazioni su scala grande, industriale e commerciale. La teoria non conquista quote di mercato, i risultati lo fanno “.

Chris descrive l’innovativo modulo base, Solar Spin Cell Sentinel da 1 kW, come solo il primo prodotto in una gamma completa di celle solari in via di sviluppo che comprenderà Spin Cell con potenze tra 1KW e 3.5KW per unità che produrranno sia corrente alternata che diretta.

“La serie Sentinel potrebbe vedere l’energia elettrica generata dal sole diventare la tecnologia più trasportabile conveniente e adattabile, aiutando a rendere capaci di produzione  di energia altamente efficiente e rinnovabile anche per le zone più remote e meno prospere del mondo”.

Nuove tecnologie: Il pannello solare diventa conico e balla pure!
Vota questo articolo

  • Marco

    Mi sembra un’idea interessante e vorrei essere aggiornato su eventuali sviluppi e possibilita’ pratiche di poterne usufruire. grazie

    • Marco

      Vorrei essere informato sui nuovi sviluppi o sapere se sono gia’ esistenti in commercio. grazie

  • GIUSEPPE IOVINO

    OK!!! VOrrei sapere il costo unitario e la sua coercibilità! Grazie

  • Legnazzi Giovanni

    Vorrei sapere se dal prototipo si è passati alla produzione in massa e se in Italia c’è già qualche concessionario.

  • Antonio

    Vorrei sapere se é già possibile la commercializzazione nel territorio Italiano.
    Grazie

  • Francesco

    Veramente innovativo! sono interessato alla sua commercializzazione in Italia

  • ANTONIO CANZANELLI

    SAREI INTERESSATO PER LA COMMERCIALIZAZZIONE DI QUERSTO PRODOTTO